Panico

L’EPOCA DEL PANICO. Una prospettiva della Psicologia Funzionale
Indice
Premessa

Introduzione
p
1. Il dio Pan dal mito alla psicopatologia

 La natura selvaggia dentro di noi
 La morte di Pan
 Duemila anni dopo
 Il corpo di Pan
 Il ritorno di Pan: l’urlo del panico

2. Estasi e panico: quando il sentimento panico fa paura

 Estasi e sentimento panico
 L’immensità
 Il panteismo e lo scioglimento del legame uomo-natura
 Appartenenza al Sé sociale e il panico dello scioglimento del legame

3. Falso Sé globale: la società “come-se”

 La cultura dell’illusione in un’economia della finzione
 Autorealizzazione: mito e inganno dell’autostima
 Il problema dell’identità tra diversità, omologazione e integrazione
 Dal feticismo delle merci al feticismo della personalità
 La personalità “come-se” dal Re nudo al Cavaliere inesistente
 Generazione virtuale tra nichilismo e rivoluzione antropologica

4. Il Sé nella Psicologia Funzionale

 Le Funzioni e i piani psicocorporei
 I Bisogni Fondamentali
 Le Esperienze Basilari del Sé

5. Il Sé sociale contemporaneo

 Dal Sé individuale al Sé sociale storicizzato
 La società maniaco-depressiva
 Dalla colpa alla vergogna, dal conflitto alle carenze
 Psicopatologie del Sé postmoderno: dal narcisismo alle nuove dipendenze
 I Bisogni Fondamentali nella postmodernità

6. Il disturbo da Attacco di Panico

 Personalità di base prima dell’esordio
 Le alterazioni Funzionali e il falso Sé
 Identità e continuità del Sé: patologia del vuoto e depersonalizzazione
 Luoghi e tempi del panico
 I nonluoghi
 I tempi persi
 I nontempi
 Tempo e spazio vissuti, tempo e spazio alienati

7. La Psicoterapia Funzionale dell’Attacco di Panico

 Diagnosi, diagramma e progetto terapeutico
 Diagramma Funzionale dell’Attacco di Panico
 Le Funzioni e il crollo del controllo nei quattro piani del Sé
 Risanamento e integrazione: ricostruire le Esperienze di Base
 Tecniche terapeutiche Funzionali
 Conclusioni

 Bibliografia

Premessa
Questo saggio analizza il panorama psico-sociologico contemporaneo seguendo le tracce che dal mito del dio Pan portano all’Attacco di Panico, sintomo ed emblema del nuovo “disagio della civiltà”. La natura selvaggia di cui Pan era l’archetipo, e che l’uomo ha smarrito nel suo percorso storico, si esprime oggi nuovamente in un terror panico che rivela la perdita dell’esperienza del sentimento panico.
L’arcaico e terrifico urlo di Pan sembra riemergere dalla polvere dei due millenni passati dalla sua mitica morte nell’urlo interiore espresso da una psicopatologia essenzialmente postmoderna. Nel disincanto dell’attuale universo umano, costitui-to da “nonluoghi” e vissuto attraverso “nontempi”, l’originario sentimento panico – fonte di stupore ed estasi dei sensi – apre ad un vissuto emozionale di “immensi-tà” che è sentito intollerabile. Il panico manifesta il disagio postmoderno e interpre-ta, attraverso modalità paradossali, la protesta contro la perdita della “natura sel-vaggia” dentro e fuori di noi, esprimendo allo stesso tempo il desiderio di riconquistare l’incanto perduto del sentimento panico.
L’attuale è l’epoca della crisi dell’identità sia individuale che sociale, crisi a cui ha portato l’economia capitalista nella sua finale deriva in “mercato delle illusioni” che offre merci, ma soprattutto stili di vita, come finzioni dell’individualità. Il Sé individuale, sradicato dalla consapevolezza dei Bisogni Fondamentali, perde lo slancio del desiderio, diventa nichilista e si adegua a interpretare personalità “come-se” mentre gli ideali moderni della libertà e dell’autorealizzazione personale si omologano nel mito mercantilistico della psicologia dell’autostima: il sembrare prende il posto dell’essere andando oltre l’ormai inflazionata e usurata aspirazione consumistica all’avere.
Allo stesso tempo il Sé sociale, nell’epoca della globalizzazione, propone una cultura e una socialità ugualmente “come-se” in cui imperversa un falso Sé sociale anch’esso globale che simula nell’immaginario mass-mediatico la realizzazione dei bisogni e dei desideri. La psicologia e la cultura della finzione identitaria incrinano e diradano la trama del vissuto spazio-temporale del Sé fino all’orrore dell’esperienza del vuoto che produce depersonalizzazione ed infine il panico.
La vacuità e l’aleatorietà del Sé sociale postmoderno si manifestano, oltre che nella sindrome del panico, in altre emergenti psico-socio-patie e, in generale, in una modalità del sentire e dell’agire collettivo che possiamo definire maniaco-depressiva e che ricalca metaforicamente, in un alternarsi di euforia e frustrazione, le fluttuazioni del mercato finanziario.
Il disagio della civiltà postmoderna si declina in forme diverse da quelle del se-colo scorso passando dai disturbi originati dal conflitto e dalla colpa a quelli prodotti dalle alterazioni e dalle carenze delle Funzioni psicocorporee e delle Esperienze di Base del Sé. Nella prospettiva della Psicologia Funzionale possiamo considerare il panico come il riflesso dell’erosione e dell’alienazione del Sé originario e come conseguenza dell’ipertrofia, del logoramento e del conseguente crollo, della Funzione del controllo utilizzato in una continua vigilanza per far fronte alle carenze di integrazione e di continuità del Sé.
Prendendo atto dell’originalità del linguaggio dei nuovi sintomi la Psicologia Funzionale propone un progetto terapeutico volto a risanare e integrare le Funzioni e le Esperienze di Base maggiormente alterate nell’Attacco di Panico: un progetto che volendo abbracciare la complessità dell’organizzazione del Sé sente necessa-ria la considerazione di quei Bisogni Fondamentali che indicano la direzione di un sano sviluppo. Tutto ciò nel rispetto dei valori essenziali e ineludibili dell’uomo.

Introduzione
Questa è l’epoca del panico. Cioè l’epoca della paura del nulla. Proprio così. “Pau-ra” non nel senso di fobia di qualcosa di specifico (ragni, serpenti, piccioni o san-gue, per esempio), ma semplicemente paura di attraversare una piazza, di star fermi a un semaforo, di oziare finalmente inattivi sul divano di casa o di guardare e vedere come per la prima volta la profondità del cielo.
Il nulla, quindi: che sia vuoto di tempo come nelle attese e nelle pause o vuoto di spazio come nelle agorà delle acropoli postmoderne. Il nulla. Non c’è oggetto fobico: l’angoscia non si ancora a un oggetto da evitare a ogni costo ma solo luoghi e tempi senza un oggetto dentro. O meglio senza una relazione dentro: scatole spazio-temporali vuote dove la persona non vuole entrare: piazze vuote o affollate, centri commerciali, autostrade, ascensori. Situazioni dove viene a mancare qualcosa: la relazione, appunto, con sé e con il mondo.
Questa è l’epoca del panico. Dagli anni Quaranta agli anni Novanta i disturbi an-siosi si sono quadruplicati mentre il Disturbo da Attacco di Panico (DAP), distinto clinicamente dal “disturbo d’ansia generalizzato”, fa il suo esordio soltanto nel DSM IV del 1994 (Infrasca, 2000).
Sono ormai passati trent’anni dal saggio in cui Jean-Francois Lyotard (1979) teorizza la condizione postmoderna. Possiamo quindi a ragione affermare che il nostro sia un tempo post; un tempo che – come inflazione, eccesso e decadenza dell’era moderna – si può definire anche come iper-modernità: un tempo dove la società appare destinata a divenire regno di una dittatura tecnocratica che rende l’uomo antiquato e obsoleto. Oppure possiamo definirlo come tempo del post-umanesimo, epoca cioè della fine della storia che, per un supposto esaurimento del futuro, non potrà che portare a una catastrofe temuta ma comunque immagina-ta.
Secondo alcune fantasiose ipotesi la catastrofe definitiva sarà causata da un ineludibile disastro ecologico o da un irreparabile incidente nucleare; oppure da un attacco terroristico e da una guerra globale che condurranno il mondo a un nuovo e finale diluvio universale il quale – secondo alcune profezie recentemente alla moda – arriverà portando terremoti, scioglimento dei ghiacciai e innalzamento dei mari. Purtroppo fenomeni devastanti stanno realmente avvenendo sempre più fre-quentemente in più parti del pianeta (come è successo negli ultimi anni in Sumatra, in Cile, a New Orleans e in Giappone) e non per profezie millenaristiche bensì per macroscopici eventi meteorologici e sismici dovuti a imprevedibili mutamenti natu-rali ma anche e soprattutto a umanissimi delitti ecologici.
Nonostante l’oggettività scientifica dei fenomeni inerenti ai cambiamenti climatici riscontrati a partire dal secolo scorso si cercano e si profetizzano (come conferma a queste paure) scadenze e date di imminenti giudizi universali: come quella, per esempio, dell’anno 2012 indicato, come sembra, dal calendario Maya come l’anno finale per il mondo. È dalla notte dei tempi che aspiranti apocalittici profetizzano la fine del mondo: la morte collettiva e simultanea pacifica l’animo neolitico che alberga ancora nell’uomo prometeico illuminato dal fuoco rubato nella rivolta contro gli dei. Fuoco che divampa ormai ovunque surriscaldando il pianeta.
Vent’anni fa l’Attacco di Panico era quasi sconosciuto, confuso con l’ansia o l’angoscia: ora è considerato la nuova isteria, emblema di un’epoca alienante co-me l’isteria era una volta l’emblema dell’epoca del conflitto. La sindrome del panico è il fenomeno storico e socio-culturale per eccellenza dell’oggi, sindrome psico-sociale e sintomo del nuovo disagio Sé-mondo. Si tratta di un’epidemia psichica, anzi psicosomatica – una nuova “peste emozionale”, direbbe Wilhelm Reich – ef-fetto di un’ideologia dominante che invece di coinvolgere in maniera repressiva le masse, invece di sorvegliare e punire con la forza, sembra aver scelto la più attuale ed efficace via biopolitica (Foucault, 1976) della seduzione e della persuasione occulta, insieme alla cooptazione del dissenso.
L’ideologia che dal dopo guerra ad oggi domina le coscienze spinge all’ossimoro vivente di un individualismo di massa che favorisce un nuovo “divide et impera” che isola e confina le persone nel loro vissuto privato frammentando le opinioni e l’opposizione. Niente di nuovo, si direbbe, da cinquant’anni a questa parte: la novità è insita in una nevrosi di massa non più distinguibile da un vivere quotidiano e normato, ben lontano però da un’esistenza sana e in armonia con la natura, in noi e fuori di noi. Si tratta di una nevrosi di massa che aliena gli individui e che produce una “psychose blanche”: borderline, invisibile, generalizzata e diffusa quasi come l’eccesso di CO2 che avvolge il pianeta.
L’attacco di panico è un evento che sorprende le persone all’improvviso, ina-spettatamente, e che dura pochi minuti, da due a venti terribili e interminabili minu-ti. Il non aspettarselo è indicativo del senso di alienazione in cui esse vivono e in-sieme dell’inautenticità di tutto lo stile sociale che le circonda.
Eppure chi soffre e manifesta il sintomo è in qualche modo una persona che protesta, che insorge contro l’alienazione pur nella confusione e nel senso di di-sfatta. Chi soffre di Attacchi di Panico sta tentando, nel paradosso del terror pani-co, di contattare quella parte profonda di sé che non vuole rinunciare al sentimento panico, linfa vitale dell’armonia del rapporto tra gli esseri umani e la natura. Il dio Pan ne era la concretizzazione vivente: e tutto il mondo oggi ne avverte la nostal-gia e il terrore.

Bibliografia
 Anders Gunther, L’uomo è antiquato, Torino, Bollati Boringhieri, 2003
 Augé Marc, Nonluoghi. Introduzione a una antropologia della surmodernità, Milano, Eleuthera, 1993, 2009
-Che fine ha fatto il futuro? Dai non luoghi al nontempo, Milano, Eleuthera, 2009
 Bauman Zygmunt, Consumo, dunque sono, Bari, Laterza, 2008;
-Intervista sull’identità, Bari, Laterza, 2003
-Modernità liquida, Bari, Laterza, 2002
 Benasayag Miguel, Contro il niente. Abc dell’impegno. Milano, Feltrinelli, 2005
 Benasayag M., Del Rey A., Elogio del conflitto, Milano, Feltrinelli, 2008
 Benasayag M, Schmit G., L’epoca delle passioni tristi, Milano, Feltrinelli, 2004
 Bergson Henri (1888), Saggio sui dati immediati della coscienza, Milano Raffaello Cortina, 2002
 Berlin Isaiah, Two concepts of liberty, Oxford, 1958 (trad. it. Quattro saggi sulla libertà, Milano, Feltrinelli, 1989)
 Blask Falko, Q come caos. Un’etica dell’incoscienza per le nuove genera¬zioni, Milano, Marco Tropea, 1997
 Bruckner Pascal, L’euforia perpetua. Il dovere di essere felici, Milano, Garzanti, 2001
 Calvino Italo, Il cavaliere inesistente, Milano, Mondadori, 1959
 Cushman Philip, Why the Self is Empty? Toward a Historically Situated Psychology, in American Psychologist, Berkeley, 45 (5), May, 1990, pp. 599-611
 Debord Guy, La società dello spettacolo, Milano, Baldini Castaldi Calai, 2001
 Deutsch Helene (1942), Alcune forme di disturbo emozionale e la loro relazione con la schizofrenia, in Aa Vv, Il sentimento assente, Torino, Bollati Boringhieri, 1992
 Ehrenberg Alain, La fatica di essere se stessi. Depressione e società, Torino, Einaudi, 1999
 Foucault Michel, Sorvegliare e punire. La nascita della prigione, Torino, Einaudi, 1976
 Freud Sigmund (1921), Psicologia delle masse e analisi dell’Io, in Il disagio della civiltà e altri saggi, Torino, Bollati Boringhieri, 1971
-Il disagio della civiltà (1929), in Il disagio della civiltà e altri saggi, Torino, Bollati Boringhieri, 1971
-Al di là del principio del piacere (1920), in Opere, vol. XI, Torino, Bollati Boringhieri, 1990
 Fromm Erich, Avere o essere?, Milano, Mondadori, 1977
 Fukuyama Francis, La fine della storia e l’ultimo uomo, Milano, Rizzoli, 1992
 Furedi Frank, Il nuovo conformismo. Troppa psicologia nella vita quotidiana, Milano, Feltrinelli, 2005
 Galimberti Umberto, L’ospite inquietante. Il nichilismo e i giovani, Milano, Feltrinelli, 2007
 Green Andrè, Psicoanalisi degli stati limite. La follia privata, Milano, Cortina, 1991
 Groddeck Georg (1933), Del ventre umano e della sua anima in Il linguaggio dell’ES, Milano, Bompiani, 1984
 Hillman James, Saggio su Pan, Milano, Adelphi, 1977
-La vana fuga dagli dei, Milano, Adelphi, 1991
 Huxley Aldous, Brave new world, (1932), Il mondo nuovo, Milano, Mondadori, 1970
 Infrasca Roberto, Il disturbo da Attacchi di Panico. Dalla comprensione alla terapia, Milano, Franco Angeli, 2000
-La cultura dell’impersonalità, Roma, Magi, 2009
 Jung Carl G. (1934-54), Gli archetipi dell’inconscio collettivo, Torino, Bollati Boringhieri, 1977
 Kohut Heinz, Lezioni di tecnica psicoanalitica, Roma, Astrolabio, 1997
 Latouche Serge, La scommessa della decrescita, Milano, Feltrinelli, 2007
 Lyotard Jean-Francois, La condition postmodern, Paris, Les éditions de minuit, 1979
 Lipovetsky Gilles, Una felicità paradossale. Sulla società dell’iperconsumo, Milano, Raffaello Cortina, Milano, 2007
 Mac Williams Nancy, La diagnosi psicoanalitica, Roma, Astrolabio, 1999
 Maffesoli Michel, Dioniso, il ritorno, in Icone d’oggi. Le nostre idol@trie postmoderne Palermo, Sellerio, 2009
-Il tempo delle tribù. Il declino dell’individualismo nelle società postmoderne, Roma, Armando, 1988
 Marcuse Herbert, L’obsolescenza della psicanalisi, in Cultura e società, Torino, Einaudi, 1969
 Marx Karl (1884), Manoscritti economico-filosofici, Torino, Einaudi, 1949
 Maslow Abraham, New York, 1954, Motivazioni e Personalità, Roma, Armando, 1977
-Verso una psicologia dell’essere, Roma, Astrolabio Ubaldini, 1971
 Melman Charles, L’uomo senza gravità. Conversazioni con Jean-Pierre Lebrun, Torino, Bruno Mondadori, 2010
 Minkowsky Eugenè (1933), Il tempo vissuto. Fenomenologia e Psichiatria, Torino, Einaudi, 1971
 Nietzsche Friedrich, La nascita della tragedia, 1872, Bari, Laterza, 1978
 Orwell, 1984, Milano, Mondadori, 1950
 Packard Vance, I persuasori occulti, Torino, Einaudi, 1958
 Pani R., Biolcati R., Lo shopping compulsivo. Note di psichiatria psicodinamica. Urbino, Ed. Quattro venti, 1998
 Pani R., Sagliaschi S., Svalorizzazione di Sé e del mondo esterno, Bologna, Ed. Emil di Odoya, 2008
 Plutarco, Il tramonto degli oracoli, in Dialoghi delfici, Milano, Adelphi, 1983
 Purgato Adriano, Fobie. Le nuove ossessioni del secolo XXI, Roma, Castelvecchi, 2006
 Recalcati Massimo, L’eclissi del desiderio, in AA.VV. Forme contemporanee di totalitarismo, Torino, Bollati Boringhieri, 2007
-L’uomo senza inconscio, Milano, Raffaello Cortina, 2010
 Rifkin Jeremy, La civiltà dell’empatia, Milano, Mondadori, 2010
 Reich Wilhelm, (1949), Analisi del carattere, Milano, Sugarco, 1973
-Ascolta, piccolo uomo, (1948), Milano, Sugarco, 1973
-Bambini del futuro (1950), Milano, Sugarco, 1987
-Psicologia di massa del fascismo (1933), Milano, Sugarco, 1971
 Ricci Carla, Hikikomori: adolescenti in volontaria reclusione, Milano, Franco Angeli, 2008
 Rispoli Luciano, Psicologia Funzionale del Sé, Roma, Astrolabio, 1993
-Il sorriso del corpo e i segreti dell’anima, Napoli, Liguori Editore, 2003
-Esperienze di Base e sviluppo del Sé, Milano, Franco Angeli, 2004
-Le Esperienze di Base del Sé. Nuova lista, Napoli, articolo non pubblicato, 2009
-Il Funzionalismo Moderno e il Paradigma Psicocorporeo. Diagnosi, terapia, prevenzione dei Disturbi d’Ansia, in “Ansia, che fare?” a cura di L. D. Ragazzo, Padova, Cleup, 2010a
-Il Manifesto del Funzionalismo Moderno, Napoli, S.E.F edizioni, 2010b
 Verdù Vincente, Pianeta Mac Terra. Consumatori globali nell’epoca del capitalismo di finzione. Milano, Sperling & Kupfer, 2004
 Winnicott D. W, Sviluppo affettivo e ambiente, Roma, Armando, 1970

I commenti sono chiusi.